Il Codex Gigas, o “La Bibbia del Diavolo”, è un misterioso e gigantesco manoscritto medievale

Uno dei manoscritti più grandi del Medioevo si chiama Codex Gigas (dal 2007 custodito nella Biblioteca Nazionale di Praga), famoso anche per un’atmosfera di sinistro mistero che permea la sua storia.

Infatti, una terrificante immagine del demonio, che occupa una delle sue enormi pagine, ha fatto sì che l’opera venisse soprannominata La Bibbia del Diavolo e che su di essa si diffondessero alcune leggende alquanto oscure.

Uno di questi racconti narra che, tanto tempo fa, un monaco dell’ordine dei Bendettini del monastero di Podlažice (Repubblica Ceca), dopo aver infranto i voti, sia stato condannato ad una morte non tanto piacevole. Costui, per evitare di subire tale punizione e per rifarsi agli occhi dei confratelli e di Dio, promise che al posto della pena concordata avrebbe dato vita, in una sola notte, a un libro contenente tutto il sacro scibile umano. Così, l’abate, impietosito e curioso di vedere cosa avrebbe realizzato il folle benedettino, accettò la proposta.

Quando il monaco si rese conto di non riuscire a terminare l’opera nei tempi convenuti, invocò l’aiuto del Diavolo stesso in cambio della propria anima.

Questi gli permise di completare il manoscritto salvando la sua vita terrena, ma segnandone definitivamente quella oltre la morte.

Ciò che è vero e impressionante è la fattura del libro.

Risalente forse al XIII secolo, il testo è composto da 624 facciate molto grandi (95 cm x 50cm x 22 cm) e pesa 75 kg; comprende la trascrizione della Bibbia e di altri testi fondamentali della vasta e variegata cultura ecclesiastica del tempo.

A stupire non sono solo le dimensioni e l’arcana genesi del volume, bensì anche la calligrafia: sempre lineare, omogenea e priva di errori grammaticali, frutto del lavoro di molteplici anni di scrittura manuale.

Inoltre, all’appello mancherebbero misteriosamente 8 pagine

In realtà pare che il codice sia stato creato da un certo Herman il Recluso nell’arco di una ventina di anni.

Categoria: / Tag: , , , , , ,

Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi?