Joseph Szabo: il fotografo che ha documentato l’adolescenza degli anni Settanta

Le foto di Joseph Szabo sono diventate copertine di album di band rock; hanno ispirato i lavori di Grace Coddington, direttrice creativa di Vogue America; sono state un punto di riferimento per Sophia Coppola, mentre girava “Il giardino delle vergini suicide”.

L’acclamato fotografo, il cui lavoro è parte delle collezioni permanenti del Metropolitan Museum of Art di New York , è stato per più di 25 anni insegnante di fotografia in un liceo di Long Island.

Negli anni ’70 ha  iniziato ha ritrarre i suoi studenti, usando l’obiettivo fotografico come mezzo per  colmare il possibile divario tra lui e i suoi studenti.

“La macchina fotografica – ha dichiarato il fotografo statunitense – mi ha aiutato ad avvicinarmi e connettermi con i miei studenti, dentro e fuori dalla classe, in un’interazione di fiducia e rispetto reciproci”.

La fotografia di Szabo documenta con naturalezza il mondo adolescenziale inevitabilmente fatto di sentimenti, sogni, speranze, turbamenti in un intramontabile diario visivo che trascende il contesto storico a cui gli scatti appartengono.

Priscilla, 1969

La ragazza con la gomma da masticare, 1984

Hurt, 1972

Anthony & Terry, 1977

Categoria: / Tag:

Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi?