Nuova Zelanda: costruiscono un isolotto artificiale per aggirare il divieto di consumare alcolici

Un gruppo di giovani residenti a Thames, città nella penisola di Coromandel (Nuova Zelanda), ha trovato un modo geniale ed alquanto insolito per aggirare il divieto di bere alcolici nei luoghi pubblici, in vigore durante le festività natalizie.

Approfittando della bassa marea, gli intrepidi amici hanno costruito un isolotto artificiale di sabbia al centro del fiume Tairuna, vi hanno posizionato un tavolo e due panche da picnic ed hanno atteso l’alta marea per dare inizio ai festeggiamenti della notte di San Silvestro.

I membri del gruppo hanno ironizzato dicendo di non essere perseguibili perché si trovavano in “acque internazionali”.

Il divieto di bere alcolici, infatti, è stato esteso nei giorni scorsi alle spiagge, agli eventi all’aperto per scongiurare possibili disordini, con multe per i trasgressori fino a 180 dollari e, in certi casi, perfino l’arresto.

“Questa è la cosa che più amo di Coromandel, – ha dichiarato il sindaco della città, Sandra Goudie – la natura creativa dei suoi abitanti. La legalità invece è tutt’altro”.

Pur non trovandosi realmente in acque internazionali, i ragazzi non sono stati multati: si sono isolati volontariamente e non hanno creato alcun disagio.

Categoria:

Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi?