Scoperto un nuovo misterioso disegno di Nazca nel deserto peruviano

Un nuovo geoglifo è stato scoperto tra le linee di Nazca, nell’arido altopiano a sud del Perù. A riportarlo alla luce, un gruppo di archeologi giapponesi guidati da Masato Sakai, dell’Università di Yagamata.

Il disegno è lungo una trentina di metri ed è di difficile interpretazione. Sembrerebbe raffigurare un imponente animale, con numerose zampe ed una lunga lingua che fuoriesce dalla bocca. Secondo Masato Sakai, la figura è tra le più antiche degli oltre 800 disegni che formano le linee di Nazca e risalirebbe a 2000-2005 anni fa.

Lo strano animale è stato disegnato dalla civiltà Nazca che visse il suo massimo splendore tra il 300 a.C. ed il 500 d.C.. Trincee superficiali venivano tracciate asportando pietre e scavando ad una profondità di 15 metri, creando così un contrasto tra il terreno rossastro del deserto ed il disegno più chiaro. I disegni si sono conservati quasi del tutto integri attraversando i millenni, grazie al calore del terreno che ha creato una barriera di protezione dal vento. Secondo gli studiosi dell’Università di Yagamata, la nuova scoperta avrebbe una funzione religiosa: era, probabilmente, un itinerario che conduceva i pellegrini ad un luogo sacro.

I geoglifi furono scoperti, a partire dal 1939, da un pilota peruviano che stava sorvolando la regione. Una scimmia, una lucertola, un ragno, un condor, un colibrì, figure antropomorfe e geometriche, costellazioni sono alcuni tra i disegni più famosi rinvenuti fino ad oggi e realizzati dalla civiltà Nazca.

Come ha fatto un popolo vissuto più di 2mila anni fa a tracciare linee dritte per chilometri? Perché creare imponenti disegni visibili nella loro interezza solo da un’altitudine di circa 400 metri?

Le domande sulla loro realizzazione sono diverse e, al momento, lasciano spazio solo a supposizioni.

Il disegno dell’ultimo geoglifo rinvenuto tra le linee di Nazca

n1

new-nazca-2

n3

La scimmia con la scoda a spirale. Il geoglifo, dalle dimensioni di 135 metri, è stato scoperto nel 1954

n4

Le linee di Nazca sono Patrimonio dell’Umanità

n5

n6

Se volete saperne di più sulle misteriose Linee di Nazca, vi consigliamo la lettura di Le Piste Di Nazca” di Simone Waisbard

Categoria: , , / Tag: , ,

Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi?