Il ponte a schiena d’asino, costruito in una sola notte dal Diavolo

Si chiama Ponte della Maddalena, ma tutti lo conoscono come Ponte del Diavolo.

Secondo la leggenda, infatti, fu costruito dal Diavolo in persona in una sola notte. Si trova a Borgo a Mozzano, in provincia di Lucca, e da secoli resiste alle piene del fiume Serchio.

Quasi una sfida alle leggi di gravità con quella forma stranissima a schiena d’asino, le arcate possenti e asimmetriche che lo rendono unico, quasi inquietante. E che ne dite di quell’arco centrale, altissimo, proteso verso il cielo e così sottile da temere che non possa reggere?

Foto ponte-del-diavolo-borgo-a-mozzano-toscana

Invece il ponte del Diavolo “resiste” da quasi un millennio, al punto da favorire il fiorire di leggende.

La più diffusa, che contribuisce a dare al ponte un tocco surreale, narra di un capomastro che, in difficoltà per non riuscire a finire i lavori nel giorno stabilito, chiese aiuto al diavolo. Satana gli promise di terminarlo, ma in cambio voleva l’anima del primo passante che la mattina dopo avrebbe oltrepassato il ponte. Il capomastro accettò il pericoloso scambio, ma fece in modo che ad attraversarlo non fosse una persona, ma un animale (qualcuno parla di un cane, chi di un maiale, che vennero quindi “sacrificati”). Così beffò il diavolo.

Foto ponte del diavolo 3

In realtà, a far costruire il ponte fu Matilde di Canossa intorno al 1100.

Nel corso dei secoli ha subito qualche ritocco. Nel 1948 venne realizzata la diga subito a valle. In quell’occasione il riempimento del bacino e l’aumento delle acque gli tolsero molto del meraviglioso slancio verso il cielo. Ma, quando il bacino viene periodicamente svuotato, il ponte riemerge in tutta la sua arditezza.

Foto ponte diavolo svuotatoponte-del-diavolo

Categoria: / Tag: , ,

Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi?