Santa Maria Incoronata: la chiesa dalla “doppia” facciata, simbolo di un amore eterno

Lungo Corso Garibaldi, a Milano, è possibile imbattersi in un edificio sacro particolare, dalla storia decisamente romantica.

Stiamo parlando di Santa Maria Incoronata, una chiesa dalla facciata “doppia”, le cui origini risalgono al 1400.

In realtà si tratta di una struttura edificata in momenti differenti: la prima metà della chiesa, quella sulla sinistra guardandola di fronte, nasce come Santa Maria di Garegnano in epoca comunale. Donata alla Congregazione Lombarda dell’ordine di Sant’Agostino nel 1445, cinque anni dopo venne ribattezzata col nome di Santa Maria Incoronata, in onore del duca Francesco Sforza, nuovo signore della città meneghina e dal 1441 marito di Bianca Maria Visconti.

I due coniugi, però, non riuscirono a vivere un matrimonio sempre felice, soprattutto durante i primi anni di reggenza, dal momento che il duca era spesso impegnato in campagne militari per consolidare ed estendere i confini dei propri possedimenti, mentre la consorte era costretta a guidare la città secondo le direttive di Francesco (sembra comunque con una fermezza impeccabile).

Così, iniziarono a circolare voci di tradimenti reciproci e di atteggiamenti non proprio canonici da parte dei due sposini, al punto da spingere la duchessa a dare un segnale forte alla città e mostrare al proprio popolo che il matrimonio era solido e, quindi, anche il ducato.

Decise di far edificare una chiesa (intitolata a San Nicola da Tolentino) di fianco a Santa Maria Incoronata, emblema di Francesco Sforza, come simbolo del loro eterno amore.

Verso la fine del Quattrocento, diversi anni dopo che i due coniugi passarono a miglior vita, le due chiese vennero riunite in un’unica struttura a pianta quadrata, caratterizzata da 2 navate, 2 absidi e 6 cappelle laterali.

Il matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti venne reso immortale da questo romantico edificio, capace di far trascendere il tempo al sacro legame di due personaggi tanto importanti per la storia di Milano.

Categoria: , , / Tag: ,

Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi?