10 incredibili fotografie vincitrici del Siena International Photo Awards 2017

Quasi 50 mila scatti di fotografi professionisti, dilettanti e amatori, provenienti da 161 Paesi del mondo, hanno concorso al Siena International Photo Awards (SIPA) 2017, organizzato nella città toscana e quest’anno giunto alla terza edizione (vedi i protagonisti del 2016).

Il concorso è stato suddiviso in 10 categorie: “Il Premio Pangea”, “Viaggi & avventure”, “La bellezza della natura”, “Persone e volti accattivanti”, “Animali nel loro ambiente naturale”, “Architettura e spazi urbani”, “Sport in azione”, “Story-telling”, “Libero colore”, “Libero monochrome”.

“Sand Hill Cranes” di Randy Olson.

A vincere il Photographer of the Year, il premio più importante è stato Randy Olson, fotografo pluripremiato statunitense, noto soprattutto per la collaborazione con il National Geographic, con l’immagine della migrazione delle gru Sandhill dalla Siberia all’America del Sud. Olson ha scattato la foto nell’agosto 2016. L’istantanea mostra lo stormo di gru in movimento, mentre un fulmine colpisce la falda di Ogallala vicino Wood River, in Nebraska.

“Pandas Gone Wild” di Ami Vitale.

Il primo premio nella categoria Storytelling ed il riconoscimento come Best Author SIPA Contest 2017, è andato a Ami Vitale, fotografa e regista americana, ambasciatrice di Nikon e collaboratrice con National Geographic.

Con la serie “Pandas Gone Wild”, Vitale ha reso omaggio al panda gigante che, da settembre 2016, non è più nella lista degli animali in via di estinzione.

Il panda gigante Ye Ye di 16 anni, ritratto all’interno della riserva naturale di Wolong, in China.

“At World’s End” di Alessandra Meniconzi.

Foto vincitrice della categoria “Viaggi & avventure”, scattata a Yamal, in Siberia. Olya, sei anni, aiuta la sua famiglia nelle faccende domestiche, raccogliendo e trascinando la legna da ardere.

“Crow of Lviv” di Jack Savage.

Foto vincitrice della sezione “Libero monochrome”, scattata nella città di Leopoli, in Ucraina.

“Attack” di Sergey Gorshkov vince il primo posto della categoria “Animali nel loro ambiente naturale”.

La lotta di un’oca delle nevi contro una volpe artica, nel tentativo di proteggere le sue uova. Isola di Wrangel, in Russia.

“Protestor’s Eyes”di Jonathan Bachman vince il primo posto della sezione “Libero colore”.

La foto mostra un uomo trattenuto a terra durante la protesta del 9 luglio 2016, per l’uccisione di Alton Sterling, a Baton Rouge, in Louisiana (Stati Uniti).

“Beast”, la tempesta immortalata da James Smart, si aggiudica il primo posto nella categoria “La bellezza della natura”.

Foto scattata a Black Hawk, nel Sud Dakota (Stati Uniti).

“I’m Here” di Joao Taborda vince la categoria “Persone e volti accattivanti”.

“Ogni anno a fine estate, – racconta Taborda – in un parco all’interno della città universitaria di Lisbona, si svolge un festival della gioventù portoghese ispirato al festival indiano Holi. I partecipanti, principalmente studenti, si divertono con musica e colori, lanciando in aria polveri colorate. Le bandiere degli studenti stranieri provenienti da tanti paesi del mondo contribuiscono ad aumentare questa atmosfera colorata. Sono rimasto colpito da una giovane che stava in mezzo alla folla e dalla sua espressione gioiosa”.

“Book temple III” di Hans-Martin Doelz , vince la categoria “Architettura e spazi urbani”.

Si tratta di un’immagine scattata all’interno della Biblioteca Civica di Stoccarda, in Germania.

Lo scatto di Tim Clayton si aggiudica il primo posto nella categoria “Sport in azione”.

Dal titolo “Great Britain Team”, l’immagine è stata realizzata alle Olimpiadi di Rio de Janeiro e ritrae la squadra inglese composta da Edward Clancy, Steven Burke, Owain Doull e Bradley Wiggins, che ha conquistato la medaglia d’oro nella gara di inseguimento a squadre maschile.

Categoria: / Tag: , , , , ,

Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi?