Le psichedeliche miniere di sale di Yekaterinburg sono un capolavoro di colori

A circa 200 metri sotto il livello del suolo, più o meno nella zona di una città industriale russa di nome Yekaterinburg, esistono delle miniere di sale abbandonate che hanno dell’incredibile.

La conformazione e la colorazione delle striature e delle venature delle grotte sono assolutamente originali e in grado di creare un effetto psichedelico ai limiti dell’immaginabile.

Il luogo sembra essere stato dipinto o creato in qualche modo da artisti di chissà quale antica civiltà e, invece, si tratta soltanto di un meraviglioso spettacolo naturale.

Tutto questo è causato dai numerosi strati di carnallite presenti in loco, caratterizzati dall’avere particolari cromie, dal giallo al bianco e dal rosso al blu.

Tali depositi rocciosi risalgono al Permiano, l’ultimo dei periodi in cui è divisa l’era geologica del Paleozoico, e hanno quindi milioni di anni sulle spalle.

Sono il frutto del prosciugamento di un mare salato formatosi nella zona tantissimo tempo fa.

Oggi è possibile visitare questo luogo surreale solo tramite uno speciale permesso del governo, desideroso di tenere sotto controllo un capolavoro geologico di tale livello, oltre che per la sicurezza dei visitatori.

Queste cave ricordano da vicino la “Montagna Arcobaleno” di Vinicunca per la fantasia cromatica che le contraddistingue: entrambi doni impagabili realizzati dalla nostra splendida Madre Terra.

Foto: Mikhail Mishainik

Categoria: / Tag: , , ,

Cosa ne pensi?

Cosa ne pensi?